Come prevenire la formazione della muffa

Come prevenire la formazione della muffa sui muri per vivere in un ambiente sano

 

Forse non tutti sanno che la muffa non è solo antiestetica ma è anche davvero molto dannosa per la salute, in particolar modo se essa si presenta all’interno della nostra casa e negli ambienti dove solitamente viviamo.

La muffa infatti se non trattata ed eliminata, può portare a problemi respiratori, asma, allergie e gravi problemi di salute soprattutto per i bambini.

Si può presentare in colori e modi diversi: negli angoli dei muri, vicino alle finestre, nella doccia, nei rivestimenti e persino nei mobili.

Ma cosa causa la formazione della muffa?

La muffa è costituita da spore che proliferano in maniera molto veloce soprattutto negli ambienti umidi, poco arieggiati e bui. Inoltre nelle stanze dove vi è poca esposizione alla luce solare oppure situate a nord la muffa tenderà a formarsi più facilmente. Il vapore della doccia, la condensa della cucina, i panni stesi in casa: ognuna delle nostre quotidiane abitudini fa sì che si crei maggiore umidità all’interno della casa. Tutta questa umidità evaporando si attacca alle pareti, ai mobili, ai vestiti ed anche alle persone influenzando la salute di tutta la famiglia.

Fate un check up della vostra abitazione

È importante analizzare però da dove proviene la muffa. Se si tratta di umidità proveniente dall’interno come vapori, acqua stagnante o dovuta ai panni stesi: possiamo intervenire modificando le nostre abitudini.

Se invece il problema deriva da una perdita di acqua all’interno delle pareti, da muri vecchi che necessitano di ristrutturazioni e riprese, da infissi ormai usurati, il problema è molto più serio e va trattato il prima possibile affidandosi ad esperti che possano sistemare questi problemi strutturali.

Come prevenirla?  arieggiare la casa prevenire la muffa

Per prevenire la formazione della muffa interna (soprattutto nei casi in cui l’abbiate già dovuta debellare come ad es. nei bagni, cantine, sgabuzzini) dovete per prima cosa arieggiare la casa. Ogni giorno aprite le finestre per almeno  15 minuti (anche in inverno di giorno, non quando piove o c’è nebbia) e lasciate cambiare l’aria, questo permetterà non solo di far uscire vapori, umidità ed odori ma anche di respirare meglio purificando l’ambiente.

Secondo fondamentale consiglio è quello di asciugare: nei bagni in particolare, dopo aver fatto la doccia aprite la finestra ed asciugate il box o la vasca, comprese le piastrelle del rivestimento e la rubinetteria. Questo impedirà all’acqua di ristagnare e di infiltrarsi nelle fughe delle piastrelle. Inoltre asciugando, le rubinetterie rimarranno belle e lucenti più a lungo impedendo la formazione del calcare.

Asciugate ogni qual volta vi cade dell’acqua o si forma del vapore: passate un panno e pulite le superfici, lavate poi i panni in lavatrice e stendeteli all’aperto se ne avete la possibilità.

Lasciate sempre l’oblò della lavatrice un po’ aperto per far sì che l’umidità creatasi durante il lavaggio evapori: impedirete la formazione della muffa all’interno della lavatrice!

Mi sono trasferito in una nuova casa e si è creata subito la muffa!

Come saprete, le case nuove ad alta efficienza energica sono progettate per evitare il disperdersi del calore interno e quindi consumare meno energia per il riscaldamento degli ambienti. Al contrario delle abitazioni più datate, dove spesso ritroviamo infissi che lasciano passare gli spifferi (con un maggior ricircolo di aria) e muri termicamente meno isolanti, le nuove costruzioni sono realizzate con un robusto cappotto esterno ed infissi resistenti così da impedire la dispersione del calore dall’interno e l’accesso dell’aria fredda dall’esterno (vice versa per l’estate). Questo fa si che circoli meno aria fra interno ed esterno e che si crei maggiore condensa. Per questo motivo, potrà capitarvi di trovare più facilmente la muffa in una casa nuova rispetto ad una di 20 anni fa. muffa nella lavatrice

Inoltre una casa appena costruita, nei primi anni di vita deve “asciugarsi” e rilascerà nell’aria una maggiore umidità.  È fondamentale se non essenziale arieggiare quotidianamente tutta la casa al fine di disperdere l’umidità e prevenire la formazione delle muffe.

Munitevi di un deumidificatore: questa scelta cambierà davvero l’aspetto delle vostre pareti!
Ne esistono di diverse tipologie e grandezze in base all’ambiente nel quale va collocato. Nel caso in cui abbiate una zona lavanderia è praticamente indispensabile al fine di evitare la formazione della muffa dopo solo un paio di mesi!

Potete sceglierne uno elettrico (ce ne sono molti dotati della funzione “dry” apposta per asciugare i panni e raccogliere l’umidità) oppure ne esistono in commercio moltissime varianti dotate di un sale apposito, che fa sì che l’umidità si raccolga all’interno di un contenitore situato alla base. Questa è una valida soluzione soprattutto nelle stanze da letto o negli ambienti piccoli come i bagni.

Qualsiasi tipo di deumidificatore scegliate di prendere, ricordatevi di controllarli spesso per svuotarli dall’acqua raccolta. Potete anche prenderne più di uno e posizionarli negli angoli della casa (in particolare nelle stanze esposte a nord).

Mantenete un ambiente pulito prevenire la muffa in bagno

Mantenendo la casa pulita e ordinata vi accorgerete in tempo della formazione della muffa. Non appena inizierà a formarsi potrete facilmente debellarla ed evitare con questi pratici accorgimenti che essa ritorni in breve tempo.

E’ possibile eliminarla definitivamente?

È possibile ma non assicurato. In certi ambienti il proliferarsi della muffa è fisiologico e per questo, qualora si fosse già formata, è importante utilizzare prodotti appositi per la pulizia di pareti e superfici al fine di debellarla. Inoltre la muffa tende a trasmettersi da una superficie all’altra, come ad esempio fra muro ed armadio. E’ importante pulire e rimuoverla da tutte le superfici venute a contatto con essa.

E’ inoltre molto importante non toccarla a mani nude e respirarla in quanto è dannosa per la salute.

Seguendo tutti questi consigli riuscirete a prevenire la formazione della muffa sui muri o far sì che ritorni sempre meno frequentemente, ed in tempi più lunghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *